The land of the Free

lighted candle
Photo by Rahul on Pexels.com


Ragazzo:

papà, la scuola ha lanciato il coprifuoco
si sentono sirene ovunque e le radio sono impazzite
sono nell’aula di ginnastica, che ha 4 ingressi diversi
tutti sono terrorizzati
non è un’esercitazione, è un allarme reale
il mio cuore batte fortissimo

Papà:
ok, calmati
ricorda i tuoi esercizi, respira

Ragazzo:
papà, stanno dicendo a tutti di nascondersi
gli insegnanti pensano che qualcuno sia entrato nella scuola

Papà:
ok, resta calmo, respira lentamente e presta attenzione

Ragazzo:
ok
ok
ci provo

Papà:
ascolta tutti i rumori, fai respiri brevi e ascolta ogni cosa

Ragazzo:
ci sono spari
papà
spari
oh mio Dio
la scuola è invasa da poliziotti

Papà:
stai calmo e resta nascosto

Ragazzo:
papà non c’è modo di nascondersi, questa è una sala completamente aperta
tutto quello che sento sono urla e grida
non posso chiamare, gli insegnanti non lo permettono
cosa faccio papà, ho tanta paura

Papà:
sono qui fuori, ma non mi fanno entrare
stai bene?
puoi chiamare?

Ragazzo:
no

Papà:
stai bene?

Ragazzo:
papà ti voglio bene
sai, in caso che…

Papà:
ti voglio bene
un sacco di ragazzi stanno uscendo dalla scuola

Ragazzo:
qualcuno è morto.

Tutto questo è successo due giorni fa a Denver, in Colorado, alla STEM School Highlands Ranch. Questi sono messaggi veri tra padre e figlio durante il lockdown, cioè la procedura che le scuole attivano quando c’è una persona armata all’interno della scuola. Una persona è morta, Kendrik Castillo, un ragazzo di 18 anni a 3 giorni dal diploma.

A scuola di Leo periodicamente fanno esercitazioni per essere pronti nel caso che questa evenienza si concretizzi. Che poi, l’esercitazione consiste nel nascondersi, perché cosa puoi fare quando qualcuno entra in una classe e inizia a fare fuoco? Per di più con armi automatiche, che possono sparare molti colpi in pochi secondi.
Tutte le classi hanno un drappo rosso e uno verde da appendere sulla porta. La presenza di un drappo rosso indicherebbe alla polizia che dentro quella classe c’è un ferito. O un morto…

Quando succedono questi episodi, e negli USA in questi primi 4 mesi ne sono successi 15 solo nelle scuole, mi viene in mente che la violenza è ovunque, certo. Che le cose brutte accadono ovunque. Che di matti è pieno il mondo. E quando quei matti capitano sul tuo percorso son cazzi.
Ma qui, dove avere un’arma è facile come comprare le sigarette, è peggio.
Qui, dove è venuta fuori l’idea di dare armi agli insegnanti per poter difendere le scuole da eventuali aggressioni armate, sembra che la sola risposta alla violenza, sia ancora più violenza.
Qui, dove la libertà di possedere un’arma è scolpita nella Costituzione, la violenza sembra possedere un che di scontato, di inevitabile, quasi di prevedibile.
E mi chiedo come sia possibile che nella stessa Costituzione ci sia presi la briga di scrivere che ogni essere umano ha il diritto alla ricerca della felicità.
Violenza e saggezza nello stesso testo. Barbarie e poesia. Oscurantismo e modernità.
Ma forse, mi dico, l’America è tutto questo: un insieme di contraddizioni e di contrasti, di luci e di ombre. Un Paese che, in nome della Libertà, può anche sacrificare la vita di qualcuno che si trova, per caso, nel momento sbagliato e nel posto sbagliato.
Addio Kendrik Castillo, 18 anni. Addio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...